reg. ind. Ragazzi Marostica

12/06/2017

Week end memorabile a Marostica  AOV protagonista . Di seguito la giornata descritta da un emozionato e soddisfatto Alessio Centomo Tecnico dei Ragazzi AOV .

"Esattamente tre mesi fa, più o meno a quest'ora, inviavo un articoletto a Christian che narrava la prima parte di stagione del gruppo ragazzi, che si concludeva con la campestre di Montecchio Precalcino ed il Trofeo Province Trivenete di Montecchio. Oggi, sono qui di nuovo a scrivere un piccolo report, ma avrei voluto aspettare domenica prossima. Ho deciso però di farlo oggi (magari ne farò uno anche la sera del 18 giugno, eh), perchè è giusto così.

Abbiamo gareggiato per due mesi sulle piste della provincia di Vicenza, uno sconfinamento ad Agordo ed uno a Borgoricco, raccogliendo indicazioni, spunti, soddisfazioni, piccoli incidenti di percorso, grandi gioie e qualche lacrimuccia. L'obiettivo era unico per tutti in quest'età di crescita, acquisire conoscenze, sviluppare più abilità possibili, risvegliare possibilità del nostro fisico e della nostra mente che non si sapeva di avere, insomma, non porsi limiti. Vedere tutto nell'ottica di un lungo percorso che va al di là del singolo risultato di una singola gara, trucchetto grazie al quale le giornate storte e qualche risultato non all'altezza di ciò che ci si aspettava sono solo momenti da oltrepassare ed occasioni di miglioramento.

Il gruppo è stato fondamentale per questo processo. Ragazzi che arrivavano sempre prima dell'orario di allenamento, disponibilità anche nei cambi di orario/giorni che a volte chiedeva il povero tecnico, abitudine nell'impegnarsi ad imparare cose nuove anche difficili, cura dei dettagli (acqua, stretching, alimentazione, abiti) e volontà di inseguire i propri sogni. Ovviamente non è tutto così rose e viole, ci sono i diverbi, i rimproveri, qualche distrazione, ma si mette tutto nel conto che poi si strappa a fine cena.

Tutto questo ha portato, in questi tre mesi di gare, a più di 45 podi provinciali, tra staffette e gare individuali, in otto giornate di gara. La forza del gruppo. E tutto ciò si è splendidamente coronato oggi e domenica scorsa, ai campionati regionali Csi e Fidal, di Borgoricco e Marostica.

 

Due titoli regionali Csi 60m piani (Elia e Giulia).

Un bronzo regionale Csi vortex (Alberto).

Due titoli regionali Fidal 60m ad ostacoli (Alberto e Giulia).

Un argento regionale Fidal salto in lungo (Angelica).

Un bronzo regionale Fidal 60m (Elia).

 

Oggi a Marostica giornata da più di 30 gradi, caldo seppur ventilato. Non c'è un metro all'ombra e si cerca di usare una siepe protetta da un fico per tirare un pò il fiato. Il riscaldamento, per tutti, lo si fa in 10 metri quadri, tra una misera ombra ed una piastra di cemento di 5mx2. La preparazione della gara dell'anno si può fare anche così, previo contatto con la base di ritorno da Firenze... Tanta acqua, poche andature, molta mobilità, corse al sole ridotte ai minimi e si va in call room. Porterà bene.

Alessandro apre le danze nel salto in lungo, e probabilmente paga l'emozione del primo. Serie di salti abbastanza solida e costante, seppur di poco inferiore al suo personale. Ma noi guardiamo al percorso, quindi tutta esperienza da prendere e portare via.

Tocca a Giulia, Sofia ed Alberto misurarsi coi migliori tra le barriere. La partenza di Giulia è da manuale, da garista pura. Primi tre ostacoli divorati, poi resiste al ritorno della seconda atleta, accreditata di un tempo migliore di ben 0"3 rispetto alla nostra, e le chiude davanti di 0"1. Pronostico ribaltato ed Oro!

Sofia deve ritrovare la forma dopo un piccolo infortunio di distrazione occorsole quindici giorni fa. Porta a termine un'onesta gara, sotto i suoi personali. Ma è una 2005 ed ha già fatto vedere numeri importanti quest'anno. Pian piano si risale.

Alberto gareggia in modo diverso. Parte determinato ma sotto controllo, nonostante il suo 5o accredito alla partenza. Si scrive 9"5 su gare Fidal, ma due domeniche fa a Creazzo si è fatto segnare 9"0. Crono "generoso" se vogliamo, ma affatto non lontano dalla realtà. Passa i primi due ostacoli assieme all'atleta in prima corsia e poi lo lascia lì, progressione inarrestabile e stacca nettamente tutti. Pronostico rispettato ed Oro!

Si attende ora il salto in lungo femminile ed i 60m maschili, con Elia, Filippo, Sebastian ed Angelica. Ecco, Angelica. Incomprensioni tra le giurie ci fanno sbagliare le tempistiche del riscaldamento, un giudice ci dice 1o gruppo, un altro 2o gruppo di gara. Capiamo e si torna in tribuna un'altra oretta a ritrovare concentrazione e stimoli. Nei 60m nessun disguido. Elia parte come provato in settimana, e nei primi 10 metri è davanti a tutti. La partenza lanciatissima stupisce anche i soli due atleti più veloci di lui, che devono superarsi (e superarlo) se vogliono vincere. Vincono con un grandissimo tempo, e al nostro va la soddisfazione del podio. Bronzo!

Sebastian vince la propria batteria e si porta a casa la soddisfazione della prima gara regionale. Filippo parte come un furetto, rapido questo ragazzo. Battesimo di fuoco per lui, prima gara Fidal è una regionale, serve carattere per un debutto così.

Finchè Angelica attende si preparano i 1000m. Annalisa e Giulia, prendono la seconda e terza serie, e forse pagano il mese di maggio fatto a tutta, tante gare e qualche fastidio fisico di troppo. Migliorano comunque il tempo ottenuto all'ultima gara, segno che si sta ritrovando la forma. Bene così, si guarda al percorso qui. Christian ottiene la seconda serie dei 1000m, dove riconferma il tempo ottenuto a Borgoricco domenica scorsa. Tabella di marcia ok.

Intanto Angelica finalmente ha cominciato a saltare, e come ci ha abituato lo fa migliorando in stile e cattiveria salto dopo salto. Si collauda la nuova rincorsa che dovrebbe portar dentro più velocità ma che richiede più concentrazione allo stacco. Primi due salti buoni ma manca ancora qualcosina, che si tira fuori solo quando serve. Terzo ed ultimo salto, 4.48m! Nuovo personale e si scopre che le prime 4 atlete sono in 3cm, quindi 4.49, 4.48, 4.48, 4.47. Angelica è un'altra garista di razza e quel 1cm in più le rode, e non poco. Rispetto alla prima ed alla terza classificata vanta comunque la miglior seconda misura, segno che serve al povero tecnico per monitorare la solidità del famoso percorso. Ci siamo. Argento!

Ebbene sì, abbiamo portato anche due marciatori, Giulio e Damiano, a marciare nel torrido catino di Marostica. Damiano vince la sfida in famiglia (fratelli terribili), ed accarezza la medaglia regionale del sesto posto per buona parte di gara, fin sull'ultimo rettilineo. Il suo avversario diciamo che marcia "particolarmente veloce", e purtroppo per il nostro lo sopravanza all'ultimo. Chiude stremato e sudatissimo. Giulio lo sorveglia da dietro, ed anche lui sul rettilineo finale viene sorpassato da un avversario che marcia in mondo ancor più "particolare", purtroppo. Conta comunque il percorso, ed entrambi si sono migliorati.

 

Si chiude così la giornata, pomeriggio da ammirare come un dipinto per molto tempo, ma da incorniciare in fretta. Giovedì ci aspettano le prove multiple provinciali, individuali e di squadra, altra gara importantissima. Domenica invece i nostri Alberto, Giulia ed Angelica rappresenteranno la provincia di Vicenza a Borgoricco, nel Trofeo Province Venete, festa di chiusura della parte estiva delle gare su pista, e premio di un'annata di cui andar fieri.

Con stima ed ammirazione, Alessio. "

NB: spendide foto in Gallery...